Roba da pazzi, oppure no! La mia esperienza con il Lotus Birth

Per qualcuno è cosa da pazzi, per altri no.

Un mese fa a casa è nato l’Erede al trono, il mio bimbo, e vorrei raccontarvi la mia esperienza con il Lotus Birth.

Dopo il parto e nei giorni a seguire abbiamo lasciato il cordone ombelicale attaccato alla placenta senza clamparlo o reciderlo – come di solito si fa all’ospedale.

lotus birth la mia esperienza
Il mio cucciolo d’uomo con la sua placenta

Ricordo che il Lotus ha diversi benefici per il neonato, tra cui: minor possibilità di danni cerebrali, minor possibilità di danni agli organi, maggior apporto di anticorpi materni, migliori funzioni renali, guarigione dell’ombelico più rapida

etc..

Avevo letto solo il libro: Lotus birth: il parto integrale. Nati con la placenta, ero molto preparata sull’argomento e credo vivamente nei benefici di questa pratica.

Il mio Lotus Birth

Il primo giorno la placenta va posata dentro un colino a scolare. Il giorno successivo l’abbiamo cosparsa di sale rosa grosso e messa dentro una sacca di cotone. Tutti i giorni la sacca era da cambiare.

Le ostetriche al cambio della sacca che contiene la placenta

Quel giorno ricordo che il cordone ombelicale era già secco. La placenta non ha mai emanato odori sgradevoli.

L’ombelico non ha mai sanguinato e non ha mai avuto nessuna infezione. Non sono mai ricorsa all’uso di alcol o ad altre soluzioni per disinfettarlo o pulirlo.

L’ombelico del cucciolo a 2 giorni dalla nascita

La gestione della placenta

Durante il cambio di pannolino o gli spostamenti del neonato ho trovato la gestione della placenta un po’ difficile, perché io avevo paura di fare male al bimbo nel punto dell’ombelico.

Ma invece pare fosse solo paura mia.

Placenta e lotus Birth
Cambio placenta 3° giorno

Il bimbo era pacifico con la sua placentina vicino.

Pochi giorno dopo il cordone si è staccato e ho notato che il bimbo da lì in avanti ha cominciato a piangere da vero neonato: con strilli forti che con la placenta attaccata non aveva ancora fatto.

Lo stampo della placenta

Lo stampo della placenta su un foglio per avere il ricordo

 

 

Letture correlate:

1 pensiero su “Roba da pazzi, oppure no! La mia esperienza con il Lotus Birth”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *